Don Vincenzo

Casaloste Don Vincenzo

 

 

Questo vino nasce nel 1995 dal sogno di Giovanni B. d’Orsi di poter esprimere al meglio l’unicità del territorio del Chianti, sviluppando un Sangiovese in purezza che viene prodotto solo nelle migliori annate. E’ il risultato di un’attenta selezione delle uve Sangiovese provenienti da un singolo vigneto ”la vigna del Don Vincenzo”. E’ il vino che il produttore ha voluto dedicare a suo padre, Vincenzo, il cui profilo compare raffigurato in etichetta in  prospettiva opposta al profilo del suo primo nipote maschio, che porta il suo stesso nome. La generazione passata si lega indissolubilmente a quella futura attraverso quella presente, simboleggiata in etichetta dalla firma di Giovanni Battista.

 

Uve: 100% Sangiovese selezione da singolo vigneto

Vinificazione: in piccole vasche inox da 25 hl con lieviti indigeni affinché il terroir esprima tutta la sua potenza e peculiarità. Estrazione soffice dei polifenoli con utilizzo di “delestage”.

Elaborazione/Affinamento: dopo la svinatura il vino compie la fermentazione malolattica in barriques di Allier a temperatura controllata tra 20 e 23° con batonage e microssigenazione. L’invecchiamento è di circa  18 /24 mesi in barriques di Aliier (12% nuove e il resto di un anno) successivamente altri 18 mesi in botti di Rovere da 35 hl. Dopo l’imbottigliamento è previsto un affinamento minimo di 12 mesi prima della sua commercializzazione. Più di qualsiasi altro vino prodotto da Casaloste, il Don Vincenzo propone tutta la scala aromatica che il vitigno Sangiovese trae dalle diverse condizioni climatiche degli anni, esaltandole in un caleidoscopio di sensazioni olfattive e gustative che fa di ogni annata del Don Vincenzo, un vino unico e diverso anche se legato dal filo inconfondibile della sua tipicità.

Colore: rosso rubino intenso con riflessi granata

Naso: vino di grande personalità, dal bouquet variegato e suadente, propone note profonde di frutti di bosco, prugna, sentori balsamici e speziati quali tabacco dolce, cacao e caffè tostato.

Bocca: vino considerato molto complesso che richiede attenzione, ha un ingresso elegante e deciso con uno sviluppo avvolgente sostenuto da una bassa acidità che si armonizza con una fitta trama tannica che conferisce un finale molto persistente, quasi dolce.

Abbinamenti: esprime forse le sue migliori caratteristiche degustato solo ma si comporta magnificamente se accompagnato da piatti di carne molto particolari ed elaborati come il cinghiale in dolce-forte.

Temperatura di servizio: 18°

Produzione annua: 3.300 bottiglie

 

Riconoscimenti

Annata 2013

Decanter - 91 punti